Regolamento e carta dei servizi.

 

OGGETTO: Regolamento e carta dei servizi del Musicatorio

Art. 1 Il Musicatorio e i suoi servizi

  1. L’associazione Il Musicatorio gestisce principalmente 5 tipi di servizi per gli associati
  • Corsi di musica e lezioni individuali in presenza
  • Corsi di musica a distanza
  • Corsi di aggiornamento a distanza
  • Sala prove
  • Divulgazione di musica e scienza attraverso blog e forum associativi.

2.  L’attività associativa istituzionale (assemblee, riunioni, comunicazioni, gestione amministrativa e organizzativa) avviene principalmente con l’ausilio del network internet: nell’aderire alla vita associativa del Musicatorio, oltre all’uso dei locali della sede sociale, i soci usufruiscono di:

  • www.ilmusicatorio.it

Sito web pubblico aperto a tutti e contenente le informazioni di carattere generale. Il sito viene utilizzato anche come piattaforma sociale per i soci. Attraverso il sito i soci potranno accedere anche ai servizi in e-learning, ai forum e alle chat associative utilizzati per l’organizzazione delle assemblee soci e le riunioni a distanza via chat. Il sito viene anche utilizzato per gestire la mailing list soci a cui inviare le informazioni su servizi, agevolazioni e riunioni.

  • spazio cloud su dorpbox

Al fine di agevolare la consultazione dei documenti sociali, tutta la contabilità e i documenti amministrativi (verbali riunioni, atto statuto e regolamenti dei servizi) vengono salvate e aggiornate costantemente su cluod. I soci possono consultare lo spazio virtuale e tutta la documentazione attraverso l’inserimento della password sociale, consegnata a ciascuno dei soci all’atto del pagamento della quota sociale annua. La password di accesso al cloud verrà modificata ogni anno dal consiglio direttivo. Tutti i documenti presenti nel cloud sono anche archiviati in formato cartaceo presso la sede legale dell’associazione e sono consultabili, su richiesta da tutti i soci in regola con la posizione associativa annua.

Art. 2 Responsabilità generali dei soci

1. Tutte le persone che utilizzano le sale della Associazione e partecipano a uno qualsiasi dei servizi offerti dall’associazione, devono essere Soci dell’associazione ed essere in regola con il pagamento della quota associativa annuale.

2. Le sale dell’Associazione sono video sorvegliate. Le telecamere non registrano l’audio e sorvegliano unicamente le porte d’accesso alle varie sale.

3. La presa visione di questo regolamento e la firma di accettazione di tutti i regolamenti dei servizi, all’atto della compilazione del modulo di richiesta di ammissione a socio, comporta l’osservanza delle regole e l’accettazione del presente regolamento in tutte le sue voci e articoli.

4.   Gli eventuali danneggiamenti arrecati alla strumentazione durante l’utilizzo della sede sono a carico dell’utente; Il gruppo che prenota la sala prove ha la responsabilità di controllare subito mediante un sound-check ad inizio prove la reale efficienza della strumentazione a disposizione e di avvisare tempestivamente il responsabile di eventuali danneggiamenti o malfunzionamenti riscontrati agli strumenti, e agli oggetti lasciati in uso ai soci. In caso il socio sarà ritenuto responsabile dell’anomalia e si assumerà l’onere dei costi di riparazione necessari.

5.  I soci in possesso della chiave d’ingresso alla struttura sono tenuti a versare la cauzione nella quota stabilita annualmente dal consiglio direttivo, al momento della consegna della chiave. La cauzione versata verrà restituita in caso di restituzione della chiave. Non verrà restituita in caso di smarrimento della chiave da parte del socio che ne ha avuta la copia. La successiva copia per il socio che rinnova la richiesta, inoltre, è addebitata al socio.

6.  I soci che possono utilizzare la sala in autonomia utilizzando la chiave sono tenuti a controllare di spegnere le stufe elettriche, le luci e la strumentazione elettrica prima di  chiudere la sala alla fine della prova. Se uno stesso socio o band di soci dovesse dimostrarsi manchevole di questa accortezza per più di 3 volte consecutive nell’arco di uno stesso mese, l’associazione potrà richiedere ai socio  responsabili di contribuire una tantum alle spese elettriche associative, sulla base delle bolletta del mese suddivisa per il numero di giorni di riferimento della bolletta stessa, al fine di calcolare il risarcimento della quota riferita al numero di giornate in cui il socio ha usufruito della sala senza spegnere luci e riscaldamento, sulla base delle prenotazioni effettuate.

7. I soci che fanno uso della chiave del bagno a disposizione degli associati  devono rimetterla a posto. Chi per errore dovesse perdere la chiave è tenuto a pagare una copia nuova a proprie spese.

8. È severmente VIETATO custodire le chiavi della sala prove con portachiavi forniti di etichetta con il nome dell’associazione. È, evidentemente, un altissimo fattore di  rischio furti, perdere le chiavi fornite di etichetta di riconoscimento!

9. È severmente VIETATO parcheggiare in cortile con auto, moto motorini e biciclette. Chi volesse entrare con la bicicletta può utilizzare l’apposito parcheggio bici che si trova in cortile, di fianco alla fontanella sulla destra.

10. I soci membri dei gruppi che con il loro comportamento dovessero infrangere il regolamento dell’associazione o creare disturbo alla normale fruizione del servizio saranno segnalati al Consiglio Direttivo che deciderà se eventualmente revocare la tessera associativa che consente l’utilizzo e l’accesso ai locali.

11.  È SEVERAMENTE VIETATO introdurre ospiti non soci nella sede associativa senza avvisare almeno uno dei membri del consiglio direttivo. Eventuali visitatori   preventivamente segnalati secondo le norme definite dallo statuto e delle “norme finali” del presente regolamento, sono tenuti al rispetto delle norme statuarie e dei regolamenti. I soci Visitatori non possono in alcun modo usufruire di alcuno dei servizi associativi, pertanto non possono suonare nella sala prove né prendere parte a corsi e lezioni.

12. Le informazioni su eventuali nuovi servizi e corsi attivi, così come le promozioni e gli sconti in atto riservate ai soci, saranno pubblicate sul sito pubblico www.ilmusicatorio.it e  eventualmente anche inviate via mail a tutti gli iscritti alla Newsletter. Per non far perdere ai nuovi soci eventuali promozioni in corso, l’associazione si riserva di includere l’indirizzo mail dei soci nelle Newsletter periodiche dell’associazione. Sarà a discrezione del socio la possibilità di annullare l’iscrizione alla newsletter, semplicemente cliccando il link un-subscribe a disposizione in calce in tutte le mail ricevute in forma di Newsletter.

13. La consegna delle chiavi ad alcuni dei soci è ad assoluta discrezione del Rappresentante Legale, detentore delle chiavi della sede per diritto statuario. La distribuzione di eventuali copie delle chiavi è strettamente personale ed ha l’unica finalità di agevolare la fruizione dei locali in orari in cui è particolarmente difficile gestire l’apertura e la chiusura della sede da parte dei detentori della responsabilità della gestione delle chiavi e della sede.

Art. 3 Partecipazione alle assemblee sociali

1.  La documentazione amministrativa della vita associativa e istituzionale viene archiviata e gestita dal Consiglio Direttivo tramite drop dedicato. L’accesso alla piattaforma amministrativa è esclusivo per i soci la sua consultazione. Le credenziali sono ottenute all’atto di iscrizione. I soci sono tenuti a non divulgare perdere le credenziali di accesso al drop ai non associati. La password sarà modificata dal consiglio direttivo ogni anno associativo.

Sulla piattaforma sono a disposizione i verbali di assemblee e vengono organizzate le assemblee a distanza via forum.

2 . In nessun caso è prevista la restituzione al socio della quota relativa alla tessera associativa annuale.

Art. 4. Regolamento

Sala Prove del Musicatorio.

1.  La sala prove va lasciata libera al termine dell’orario prenotato, soprattutto se c’è qualcuno che attende di accedere in sala per una prenotazione nell’ora successiva: si raccomanda la puntualità. Ai ritardatari per abitudine verrà addebitata la tariffa intera per l’ora successiva.

2. Se per motivi di carattere tecnico/stilistico (es. batterista mancino) vengono spostati strumenti o amplificatori, è responsabilità del gruppo riordinare l’attrezzatura com’era ad inizio turno di prove.

Nelle sale prove è severamente vietato:

– Fumare

– Fare uso di alcolici

– Introdurre cibo e bevande (sono permesse solo le bottigliette di plastica con il dispositivo del tappo anti-fuoriuscita)

– Introdurre oggetti di vetro

– Introdurre altri oggetto impropri

– Parlare a voce alta in cortile negli orari serali

– Suonare senza chiudere entrambe le porte d’accesso alla sala.

Art. 5 Prenotazioni Sala Prove

1. Le prenotazioni avvengono esclusivamente nelle modalità decise dal consiglio direttivo ogni anno. Le modalità di prenotazione e annullamento delle prenotazioni delle sale in vigore ogni anno sono quelle pubblicate sul sito www.ilmusicatorio.it.

2.  In caso di disdetta delle prenotazioni (già pagate dai soci) da parte della associazione per motivi tecnici documentabili o indipendenti dalla volontà dei soci (guasti alle attrezzature, mancanza di corrente elettrica, ecc.) le stesse potranno essere recuperate gratuitamente in altra data o potrà essere richiesta la restituzione delle quote versate.

3.  I pacchetti orari scontati in promozione hanno valore di sei mesi salvo diversa indicazione.

4.  I soci che usufruiscono degli sconti per fasce orarie sono tenuti a rispettare i turni di prenotazione secondo le fasce orarie previste dal proprio carnet, pena il pagamento delle ore extra carnet a cifra piena.

5. Tutte le richieste e informazioni relative alla sede sociale devono essere inviate esclusivamente via mail a ilmusicatorio@gmail.com non attraverso chiamata telefonica.

6. I soci possono prenotare esclusivamente la sala insonorizzata. Per venire incontro alle esigenze di orario di ognuno, nel caso la sala insonorizzata fosse già occupata da altri soci prenotanti, è possibile richiedere ad uno dei membri del consiglio direttivo, di poter utilizzare la sala piccola non insonorizzata. Il membro del consiglio direttivo interpellato, senza dover indire una riunione del consiglio direttivo stesso, ha la facoltà di scelta. Sarà responsabilità del membro del consiglio decidere se l’attività del socio richiedente è compatibile con l’uso della sala piccola senza arrecare disturbo al condominio e ai soci presenti nella struttura. La sala piccola non è adeguatamente coibentata: il riscaldamento in inverno della sala piccola crea un notevole dispendio economico alla associazione stessa. I soci, pertanto, sono tenuti a rispettare le decisioni del direttivo circa il suo saltuario utilizzo.

7. La sala piccola non è una sala prove: viene saltuariamente utilizzata per scopi musicali, nel caso la sala insonorizzata fosse già occupata e previa decisione favorevole di almeno uno dei membri del Consiglio Direttivo. La tariffa oraria rimane la medesima prevista per il socio per l’uso della sala insonorizzata.

8. Il socio che prenota per primo ha la precedenza di diritto nell’uso della sala insonorizzata. È facoltà e dovere dei membri del consiglio direttivo proporre ai soci prenotanti eventuali cambi di orario o di sala, per agevolare il planning associativo, non creare costi aggiuntivi per il disuso delle sale e al fine di consentire l’uso della sala a quanti più soci interessati possibile, sempre nel rispetto degli spazi  reciproci e dell’organizzazione settimanale di tutti.

9. Un’ associazione prevede una condivisione istituzionale di intenti e una condivisa attenzione alla gestione amministrativa e economica dei beni dell’associazione stessa (ridurre gli sprechi e evitare costi di mantenimento di locali inutilizzati): si richiede pertanto a tutti i soci di essere precisi nelle comunicazioni di cambi di prenotazione, di non prenotare le sale inutilmente per poi disdirle all’ultimo momento, di essere collaborativi nel caso di richiesta dell’uso della sala piccola, al fine di poter ottimizzare gli orari, favorendo così lo svolgimento di tutti i servizi associativi e il mantenimento  delle tariffe agevolate per tutti gli associati.

Art. 6 Orari e tariffe Sala Prove

  1. La sala prova insonorizzata è aperta ai soci tutti i giorni feriali e festivi con i seguenti orari: 8:00-24:00.

2.   Tariffe e orari per l’uso della sala prove:

Le tariffe variano di anno in anno, vengono scelte dal consiglio direttivo a gennaio di ogni anno e comunicate ai soci. Il consiglio direttivo è tenuto a giustificare le scelte tariffarie dimostrandone le necessità in base al bilancio consuntivo e preventivo annuale. Ai fini del regolamento del servizio, sono considerate valide le tariffe pubblicizzate sul sito associativo www.ilmusicatorio.it.

 

Art. 7  Variazioni delle tariffe della Sala Prove

1. Il Consiglio Direttivo può proporre anche in corso d’anno sconti e tariffe agevolate per tutti i servizi attivi dell’Associazione, sulla base delle tariffe esistenti. Eventuali sconti o promozioni possono essere proposte dal Consiglio Direttivo senza sottoporre la decisione al voto dell’ assemblea straordinaria dei soci.

2 Il Consiglio Direttivo non può modificare e in alcun modo aumentare in corso d’anno associativo le tariffe base dei servizi (corsi di musica e sala prove). Eventuali variazioni indispensabili giustificate da un’attenta analisi del bilancio e in base alle esigenze manifestate dagli utenti nel corso dell’anno, dovranno essere pianificati a gennaio di ogni anno, e resteranno valide per tutto l’anno associativo.

Art. 8 Regolamento

Corsi di musica

Tipologia di corso:

1. L’associazione propone corsi musicali e lezioni individuali sia gratuite che a pagamento, aperte a tutti i soci interessati alla frequenza. I corsi si svolgono nella sede associativa o a distanza attraverso la piattaforma e-learning MusicFAD

Art. 9 Iscrizioni ai corsi

1. La partecipazione ai corsi a pagamento è riservata ai soci ed è subordinata al versamento della quota d’iscrizione stabilita dal regolamento del singolo corso pubblicizzato prima dell’inizio del corso stesso sul sito pubblico www.ilmusicatorio.it

2. La partecipazione ai corsi gratuiti è subordinata alla sola regolarità della posizione associativa annuale da parte del socio iscritto.

3. Tutte le richieste e informazioni relative alle nuove iscrizioni ai corsi devono essere effettuate via mail a ilmusicatorio@gmail.com (non attraverso chiamata telefonica). Il socio sarà ri-contattato dall’Associazione per le informazioni di carattere generale e ri-inviato al docente per concordare orari e programmi didattici.

4. Gli allievi, una volta iscritti al corso e incontrato il docente, devono fare riferimento al loro docente di riferimento per tutto ciò che è relativo al corso a cui sono iscritti.

5. I docenti soci sono tenuti a comunicare immediatamente al Consiglio Direttivo eventuali nuove richieste di iscrizione ai corsi a pagamento organizzati dal Musicatorio che dovessero pervenire direttamente a loro.

6. I docenti sono tenuti a comunicare al Consiglio Direttivo le eventuali iscrizioni e adesioni ai corsi gratuiti, solo se pervenute da parte di aspiranti allievi non soci. È responsabilità assoluta del docente accertarsi che il futuro allievo contatti l’associazione e invii la richiesta di ammissione a socio prima di iniziare ad usufruire dei servizi.

7. Ci sono tre tipologie di corso e lezioni:

– corsi individuali o a coppie, in presenza in sede;

– corsi di strumento a distanza attraverso piattaforma e-learning.

– moduli singoli di approfondimento teorico professionalizzanti a distanza

Art. 10 Regolamento lezioni e corsi di musica in presenza

1. Le prenotazioni delle lezioni individuali avvengono direttamente al docente. Sarà il docente ad accertarsi della disponibilità della sala e a prenotarla secondo quanto disposto nel regolamento d’uso della Sala.

2. Il socio iscritto può fare richiesta di essere inserito in una lezione in coppia. La richiesta deve essere fatta direttamente al docente, che ne valuta la possibilità in termini organizzativi e didattici e fornisce direttamente una risposta all’iscritto.

3.  In caso di disdetta delle lezioni a pagamento già pagate dal socio iscritto da parte della associazione per motivi tecnici documentabili o indipendenti dalla volontà dei soci (guasti alle attrezzature, mancanza di corrente elettrica, assenza del docente ecc.) le ore e le lezioni potranno essere recuperate gratuitamente in altra data o potrà essere richiesta la restituzione delle quote versate relative alle lezioni non svolte.

Art. 11 orari e tariffe e orari delle lezioni in presenza individuali.

1. Lezione individuale di strumento: da un min di 25 euro/ora a un max 30 euro/ora.

La tariffa varia in base all’orario e alle disponibilità dei soci insegnanti e delle sale.

(la tariffa è riservata ai soci tesserati del Musicatorio. Il costo del tesseramento è stabilito ogni anno e pubblicizzato nel sito www.ilmusicatorio.it)

Art. 12 Regolamento lezioni e corsi di musica e moduli teorici a distanza

  1. I corsi in e-learning vengono erogati su piattaforma didattica e la frequenza è aperta a tutti i soci in regola con la quota associativa annua e previo pagamento di un abbonamento mensile o annuale alla piattaforma stessa.
  2. Le tariffe relative agli abbonamenti alla piattaforma e-learning sono stabilite ogni anno dal consiglio direttivo e pubblicizzate sul sito www.ilmusicatorio.it
  3. In caso di mancata erogazione di corsi a distanza da parte della associazione per motivi tecnici documentabili o indipendenti dalla volontà dei soci (guasti alle attrezzature, mancanza di corrente elettrica, assenza del docente ecc.) potrà essere richiesta la restituzione delle quote versate per i mesi relativi alla durata del guasto.

4.  Le iscrizione ai corsi a distanza ha valore per la durata dell’abbonamento acquistato (mensile o annuo). L’accesso ai materiali, il tutoraggio del docente e il login al corso è garantito: l’iscrizione decade prima dello scorrere del periodo di abbonamento acquistato, solo nella condizione in cui il socio non sia più in regola con il pagamento della quota associativa per l’anno in corso.

Art. 14 Proposte di erogazione corsi e candidature docenti

1. Tutti i soci possono proporre al consiglio direttivo l’erogazione di un corso, se attinente ai fini istituzionali dell’associazione. La proposta verrà accolta e valutata dai membri del Consiglio Direttivo e eventualmente proposta all’assemblea dei soci.

2. Tutti i soci musicisti professionisti possono proporsi come insegnanti per il servizio di erogazione di corsi musicali: la candidatura alla docenza dei soci professionisti sia per i corsi retribuiti, che per i corsi gratuiti, sarà accolta e votata dai membri del consiglio direttivo, sulla base del curriculum del socio stesso volto a garantire la qualità del servizio proposto. La candidatura potrà essere accettata o respinta dal consiglio direttivo. La decisione potrà essere discussa e rivalutata dall’assemblea straordinaria dei soci, indetta dai soci stessi secondo le norme statuarie dell’Associazione.

3. Nel caso di corsi gratuiti proposti dall’assemblea dei soci a favore dei soci stessi, i soci musicisti professionisti volontari si impegnano alla gratuità del servizio didattico attraverso una dichiarazione scritta e firmata. Eventuali richieste di contribuzione economica agli iscritti ai corsi gratuiti da parte dei docenti soci, comportano la revoca immediata della tessera associativa del socio docente. Eventuali multe o penali nei confronti dell’Associazione, causate da evasioni o inadempienze amministrative di tipo commerciale di responsabilità dei soci docenti volontari nell’ambito di corsi a titolo gratuito, sono a carico totale del socio docente responsabile della frode.

Art.8 Norme Finali

  1. Come da Statuto, a ciascun socio ordinario è consentito portare temporaneamente ospiti in sede, previa comunicazione scritta con il nome con nome e cognome dell’ospite, nome e cognome del socio ordinario responsabile per l’ospite e la data prevista di visita. Gli ospiti portati dai soci ordinari e segnalati al direttivo sono definiti dallo statuto associativo come Soci Visitatori. La comunicazione di accesso di un ospite alla struttura deve essere inviata via mail all’indirizzo dell’associazione tassativamente prima dell’arrivo del socio in sede. In alternativa, la comunicazione può essere inviata via sms al numero di telefono cellulare dell’associazione o del legale rappresentante. Gli ospiti segnalati hanno la nomina di Soci Visitatori, non possono utilizzare i servizi dell’associazione, non hanno versato la quota associativa annuale e non possiedono la tessera associativa. Tutti i Soci Visitatori decadono dopo 24 ore dal momento dell’accesso alla struttura, se non presentano domanda di ammissione a socio ordinario tramite le procedure formalizzate nel presente Statuto. I soci visitatori presenti in sede che non abbiano ancora presentato la domanda di ammissione a socio sono sotto la diretta responsabilità di chi li ha invitati. L’associazione decina qualsiasi responsabiltà nei confronti di soci visitatori non segnalati e anche segnalati la cui domanda di ammissione a socio non sia pervenuta al Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo, invece, è garante per il socio visitatore dal momento in cui presenta la domanda di ammissione a socio ordinario dell’Associazione fino al momento della comunicazione dell’accettazione della domanda stessa. L’associazione declina pertanto qualsiasi responsabilità civile e penale verso visitatori non soci presenti nella struttura portati dai soci ordinari, ritenendo i soci presenti insieme al visitatore i diretti responsabili in sede civile e penale per eventuali visitatori non segnalati presenti in struttura, o segnalati che non abbiano ancora presentato regolare richiesta di ammissione a socio, come da norme statuarie.
  2. Pe qualsiasi dubbio (tariffe, regolamenti, modalità di comunicazione tra i soci ecc…), sono considerate valide le informazioni, i piani tariffari e le norme comportamentali pubblicate sul sito www.ilmusicatorio.it